Piastra per capelli o arricciacapelli: quale scegliere? Confronto, pareri

Sono entrambi strumenti adoperati per realizzare una piega ad hoc, in base alle personali esigenze e preferenze, e si caratterizzano per il loro utilizzo “immediato”, senza la necessità di recarsi con costanza dal parrucchiere: la piastra per capelli e l’arricciacapelli sono infatti entrati nelle case di molti utenti, conquistati dalla praticità d’uso e dai risultati impeccabili, che non fanno mai sfigurare, qualunque sia l’occasione.

È infatti impagabile poter variare il proprio styling nella comodità e tranquillità della propria abitazione – senza dover più fare le corse tra i mille impegni quotidiani – tutte le volte che si desidera: che sia la scuola, un’uscita tra amici, una serata importante o una cena di lavoro, la piastra per capelli e l’arricciacapelli non deluderanno mai! Ma quali sono le differenze tra i due apparecchi? Tra loro simili, possono generare confusione nell’acquirente di turno, specie da parte di chi è al suo primo acquisto e non sa come muoversi tra le tante offerte del mercato.

Ecco perché è importante chiarire i tratti distintivi di ambedue i dispositivi in oggetto, così da meglio veicolare la propria scelta verso quello più in linea con le necessità individuali: è proprio da qui infatti, come vedremo, che bisogna partire.

Caratteristiche strutturali: in particolare, la piastra per capelli

Prima di decidere se acquistare una piastra per capelli oppure un arricciacapelli, è bene innanzitutto comprendere le differenze strutturali tra loro esistenti, che “inevitabilmente” portano con sé anche i risultati ottenibili. Risultati che, come or ora messo in evidenza, sono diversi in base a quelle che sono le necessità del singolo utente.

Cominciando dalla piastra, essa si presenta costituita da due placche di misura standard nella maggior parte dei casi (sebbene il commercio offra anche piastre di grandezza maggiore), indicate per capelli lunghi e medio-lunghi . E dette placche, in base alla specifica forma che le caratterizza, permettono di realizzare diversi tipi di styling.

Bisogna infatti sottolineare che inizialmente la piastra per capelli era finalizzata a lisciare le chiome. È stato solo in un secondo momento che essa, a fronte della richiesta di “incrementare” le possibilità di acconciature, spaziando tra ricci e boccoli, è diventata più “funzionale”, consentendo di arricciare i capelli o creare delle onde.

Ed infatti, se si desidera esclusivamente stirare la propria capigliatura, bisognerà veicolare l’acquisto verso un prodotto dalla forma squadrata, laddove invece uno caratterizzato da un design arrotondato alle estremità permetterà di ottenere sia capelli lisci che mossi. Una piastra che presenti ondulature nella sua struttura, invece, sarà specifica per realizzare l’originale effetto frisé, ossia piccole onde ravvicinate tra loro.

Non da ultimo, una piastra multistyler consentirà beneficiare di un dispositivo con il quale dare vita ad una molteplicità di acconciature, in virtù di apposite placche smontabili e sostituibili con altri accessori.

Piastre per capelli per voto più alto

1

Remington S8590 Piastra Per Capelli, Marrone Dorato

Remington S8590 Piastra Per Capelli, Marrone Dorato

  • Piastra con rivestimento in Ceramica e Cheratina
  • Sensore Heat Protection: ottimizza costantemente la temperatura per prevenire danni ai capelli
  • Display digitale LCD per la regolazione della temperatura – 5 impostazioni da 160° a 230°C

Recensione

2

Imetec Bellissima B26 100 Piastra per Capelli Lunghi o Difficili da Disciplinare, Formato Extra...

Imetec Bellissima B26 100 Piastra per Capelli Lunghi o Difficili da Disciplinare, Formato Extra…

  • Piastre formato extra large per una lisciatura rapida e ottima
  • Rivestimento delle piastre in ceramica Gloss&Shine per la distribuzione uniforme del calore e per…
  • Thermo control system con 4 livelli di temperatura diversi (da 160° C a 230° C)

Recensione

3

Muster, Dolcissima Piastra Professionale Infrarossi Ionic 230

Muster, Dolcissima Piastra Professionale Infrarossi Ionic 230

  • Tecnologia ad infrarossi
  • Tecnologia ioni negativi
  • 230 gradi

Recensione

L’arricciacapelli

Dopo aver esaminato le caratteristiche strutturali della piastra per capelli, possiamo ora occuparci dell’arricciacapelli, uno strumento presente in commercio in diverse forme – come la piastra – ognuna delle quali influenza la tipologia di riccio ottenibile (chiome ondulate, ricci stretti, a spirale, onde più larghe e morbide). Un aspetto, questo, fondamentale, per meglio “dirigere” il proprio acquisto.

A titolo esemplificativo e per chiarire il concetto, un arricciacapelli cilindrico, in base a quello che è il suo diametro, permetterà di ottenere ricci stretti in stile permanente oppure boccoli morbidi e naturali, mentre uno conico darà vita a riccioli stretti ma dalla caratteristica forma a spirale. Uno “combinato”, cioè composto da più pezzi con diametri differenti, poi, consentirà di realizzare più acconciature diverse, per la massima versatilità di utilizzo: sul manico del dispositivo è infatti possibile montare il ferro cilindrico, quello conico o entrambi, oppure altri accessori.

Arricciacapelli in classifica per voto più alto

1

LOETAD Ferro Arricciacapelli 6 in 1 Professionale Ceramica con 6 Diametri Intercambiabili Diversi...

LOETAD Ferro Arricciacapelli 6 in 1 Professionale Ceramica con 6 Diametri Intercambiabili Diversi…

  • 【Molteplici accessori】Grazie ai sei differenti accessori il ferro arriciacapelli ti permetterà…
  • 【Temperatura regolabile】La temperatura è regolabile tra gli 80° e i 230°, attraverso…
  • 【Display LED】Grazie all’ampio e chiaro display LED, è possibile regolare e controllare…

Recensione

2

iGutech arricciacapelli automatico con riscaldatore ceramico in tormalina e display digitale a LED...

iGutech arricciacapelli automatico con riscaldatore ceramico in tormalina e display digitale a…

  • 1.Arricciatura automatica: I capelli entrano lisci ed escono ricci. I capelli vengono…
  • 2.Un nuovo modo per arricciare intelligente: Con chip sensore intelligente incorporato e motore…
  • 3.Perfect experience and curling effect: The originalstructural design makesthe hair more unifirmly…

Recensione

3

Ferro arricciacapelli 9 mm, iGutech Ferro conico piastra arricciacapelli in ceramica professionale...

Ferro arricciacapelli 9 mm, iGutech Ferro conico piastra arricciacapelli in ceramica…

  • 1.asciugacapelli professionalmente per capelli con una 9mm ultra-thin tamburo rotante in 360 °…
  • 2.veloce e anche il riscaldamento: temperatura possono essere impostati liberamente, 80 ℃ – 230…
  • 3.anti – bruciature top design: la parte anteriore dei capelli bastone adotta eccellente isolamento…

Recensione

Quale apparecchio scegliere?

Differenti nella struttura, la piastra per capelli e l’arricciacapelli sono però accumunati dai materiali adoperati per il rivestimento – ossia ceramica, tormalina e titanio – materiali di qualità che preservano la salute dei capelli evitando loro il maggior stress termico possibile.

Più nel dettaglio, la ceramica provvede ad una distribuzione omogenea del calore tra le chiome, facilitando la scorrevolezza del ferro, scorrevolezza aumentata dalla presenza della tormalina, che ha anche un effetto ionizzante naturale. Il titanio, invece, conferisce maggiore delicatezza, oltre ad essere ipoallergenico e molto resistente.

Fatta questa doverosa premessa, siamo giunti alla domanda “fatidica”… cosa scegliere, piastra per capelli o arricciacapelli?

Certamente la piastra per capelli si rivela un prodotto di maggiore versatilità, potendo essere adoperata anche per rendere lisci i propri capelli. E quindi è un prodotto più completo. Tuttavia, rispetto all’arricciacapelli, richiede una maggiore manualità e “padronanza”, e specie agli inizi non è propriamente agevole ripetere il medesimo movimento più e più volte, ed esercitare una pressione uniforme, per ottenere onde omogenee su tutta la capigliatura.

L’arricciacapelli, invece, ha dalla sua un’indubbia comodità nello styling da creare, e non richiede necessariamente particolare familiarità con strumenti di questo tipo: basta solo avvolgere la ciocca attorno all’arricciacapelli , pazientare qualche secondo, e poi rilasciare la ciocca stessa. E se si opta per l’apparecchio automatico (quello cioè che crea autonomamente il riccio all’interno dell’arricciacapelli stesso, in virtù di un apposito sistema di aspirazione), il tutto è ancora più semplice.

Ma, come anticipato ad inizio trattazione, la risposta a quale sia il “migliore” acquisto, quello cioè più confacente al caso proprio, va ricercata nelle esigenze individuali, variabili da utente ad utente. Bisogna cioè individuare lo “scopo” sotteso all’acquisto e muoversi di conseguenza: solo in questo modo la propria potrà definirsi la scelta “giusta”.

Creativa e fantasiosa, ma anche riflessiva e determinata. Laureata in Giurisprudenza “atipica”, seguo e coltivo i miei sogni e le mie effettive ambizioni, emersi con forza. Appassionata di scrittura e “curiosa” di ogni piccola grande novità tecnologica, fornisco agli utenti utili consigli in merito a prodotti che possono semplificare, migliorandola, la vita di tutti i giorni. Per un aiuto in quella che è la scelta più rispondente alle proprie esigenze.

Back to top
migliorepiastrapercapelli.it